Uno studio uscito su Lancet e condotto in 199 istituti in tutto il mondo sotto il coordinamento italiano dell’Ospedale San Raffaele di Milano ha testato efficacia e sicurezza di upadacitinib, un nuovo farmaco orale che, secondo i risultati, è in grado di ridurre l’infiammazione intestinale attraverso l’inibizione di diversi processi biologici.

La rettocolite ulcerosa è una delle due malattie infiammatorie croniche intestinali, insieme alla malattia di Crohn. Caratterizzata da una eziopatogensi immunomediata che produce danni alla mucosa di colon e retto quali ulcere oltre a un incremento di rischio di cancro al colon, si manifesta con diarrea con sangue, dolori addominali e dimagrimento. L’entità del disturbo e il rischio di displasie può condurre alcuni pazienti a interventi chirurgici importanti quali la colectomia, ovvero l’asportazione di parte o di tutto il colon e il retto.

Crohn e colite ulcerosa? Misconosciute

Più bersagli insieme

Upadacitinib è un farmaco orale già noto per il trattamento di alcune patologie immunomediate come l’artrite reumatoide, l’artrite psoriasica, la spondilite anchilosante e la dermatite atopica. In particolare, la sua azione consiste nel bloccare alcune citochine proinfiammatorie coinvolte nel processo di infiammazione intestinale. A differenza di altre molecole, però, upadacitinib è in grado di inibire più citochine allo stesso tempo e, così, di controllare meglio diverse vie dell’infiammazione.

Amici WeCare 2.0: la prima piattaforma di digital health creata da un’associazione pazienti

Una risposta ai pazienti già trattati

«Il nuovo farmaco», spiega Silvio Danese, primario di gastroenterologia ed endoscopia digestiva al San Raffaele, «è stato generalmente ben tollerato e la sua azione si è rivelata molto rapida: un numero statisticamente significativo di pazienti ha ottenuto una risposta clinica positiva, rispetto al placebo, già alla seconda settimana di trattamento».

Sulla base di questi risultati, il comitato per i medicinali a uso umano dell’Ema (Agenzia europea per i medicinali) ha rilasciato parere positivo per upadacitinib per il trattamento della rettocolite ulcerosa attiva da moderata a grave in pazienti adulti che hanno risposto in modo inadeguato, non hanno risposto o che sono intolleranti ad altre terapie convenzionali o ai farmaci biologici.