Dipende da molti fattori, tra cui i livelli di dopamina. È esperienza di tutti, infatti, che alcune persone ogni notte vivono esperienze quasi psichedeliche: i loro sogni sono estremamente colorati, vividi, pieni di personaggi e con trame simili a quelle di un film. Altre invece non ricordano quasi mai quel che sognano, e quando succede si tratta di brevi immagini senza alcun senso. Alla base di queste differenze ci sono fattori biochimici: grazie a tecniche di neuroimaging, ricercatori della Sapienza di Roma insieme a colleghi di altre due università italiane hanno dimostrato anni fa che è la dopamina il principale neurotrasmettitore coinvolto nel determinare complessità e vividezza dei sogni. Per arrivare a questa conclusione i ricercatori hanno studiato pazienti con malattia di Parkinson, caratterizzata da una carenza di dopamina. Le persone affette da questa malattia neurodegenerativa, infatti, non sognano o comunque riferiscono sogni molto semplici e poco realistici.

I sogni? Cambiano con l’età

La “sede dei sogni” nel cervello

Nel corso dello studio, uscito su Human Brain Mapping, è stato inoltre possibile individuare una delle aree più interessate dalla formazione dei sogni: «Confrontando individui che abitualmente ricordano i sogni con altri che abitualmente li dimenticano», ha spiegato lo psicofisiologo Luigi De Gennaro, che ha partecipato alla pubblicazione, «è stato possibile rilevare una differenza di attività della giunzione temporo-parieto-occipitale, di fatto la sede dei sogni». Del resto è questa stessa area quella più frequentemente lesionata nei pazienti che, dopo un trauma cerebrale, mostrano una totale anoneria, ovvero la perdita del ricordo dei sogni.

Le 10 regole per dormire bene

Anche i farmaci influenzano i sogni

Che l’attività onirica possa essere alterata agendo sul cervello è comunque ben noto agli psichiatri: persino diversi psicofarmaci possono infatti modificare il modo di sognare. Ad esempio le benzodiazepine, ovvero i più comuni ansiolitici, possono far dimenticare i sogni mentre alcuni antidepressivi possono renderli molto più vividi e intensi specie nei primi periodi di assunzione. «Inoltre», mi ha spiegato infine Francesca Siclari, neurologa all’Università di Losanna (Svizzera) che da anni si occupa di sonno e sogni, «anche alcuni farmaci contro le allergie e alcuni antiretrovirali usati nella terapia dell’infezione da hiv possono alterare i sogni».

Un buon sonno ci aiuta (specie ora)

L’articolo completo su Airone, giugno 2020. Altre domande e risposte su I 500 perché. Domande e risposte per tutta la famiglia (Cairo). In libreria.