Le vitamine e i migliori integratori

Numerosi studi spiegano come tutti i nutrienti fondamentali all’organismo debbano venire prima di tutto dall’alimentazione, che deve essere varia e completa. Tuttavia in alcuni casi, in particolare quando sono presenti fenomeni di malassorbimento, l’uso di integratori di vitamine e sali minerali rappresenta una scelta necessaria. I cosiddetti integratori multivitaminici sono prodotti completi destinati a ripristinare le carenze vitaminiche specifiche. Tipicamente comprendono diverse vitamine tra le quali A, C, D, E, K, B (che comprende riboflavina, niacina, acido folico, vitamina B6, vitamina B12, tiamina e biotina) e poi ferro, calcio, magnesio, zinco, fosforo e rame. Utili per ritrovare l’energia persa, aiutano a superare lo stress e mantengono in buona attività anche il cervello. Inoltre le vitamine sono importanti in gravidanza, per favorire la normale crescita del bambino e per garantire un costante nutrimento alla madre, il cui organismo è messo a dura prova durante i nove mesi. Ricerche hanno inoltre dimostrato che un corretto apporto vitaminico aiuta a prevenire malattie tumorali e cardiovascolari e che, ovviamente, aiuta a prevenire l’insorgenza di carenze nutrizionali.

Ipotonici: gli integratori salini migliori

Discorso analogo per gli integratori idrosalini, importantissimi in particolare per gli sportivi ma non solo. Si tratta di supplementi costituti principalmente da acqua, sodio e potassio che permettono un veloce reintegro dei liquidi e dei sali minerali persi con l’eccessiva sudorazione durante l’attività fisica oppure in caso di febbre o di diarrea prolungata. Oltre che negli sportivi, l’uso di questo tipo di integratori è indicato nei bambini, nelle donne in gravidanza e in persone in età avanzata che hanno bisogno di un apporto adeguato di minerali. Tra le varie tipologie di integratori idrosalini è meglio optare per quelli ipotonici che si assimilano più velocemente ed evitano un accumulo di sali e dunque un lavoro eccessivo per i reni. Si tratta infatti di bevande la cui concentrazione determina una pressione osmotica inferiore a quella del plasma. Tra gli ingredienti basilari ci sono sali come quelli di cloro, sodio, potassio e magnesio ma sono in particolar modo gli ultimi tre a essere importanti nel caso di attività fisiche protratte e intense. In ogni caso gli integratori dovrebbero essere bevuti non troppo freddi per evitare effetti negativi sia sulla digestione che sulla salute.

Articolo tratto da Salute, dall’alimentazione al viaggio (inserto di SetteCorriere della Sera), 3 luglio 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...